April 8, 2020 Register Login 
 Search
 

I  CRITERI  DI  GIUDIZIO  E  LO  STANDARD  ITALIANO   (f.o.i.)



  

  Come ho scritto precedentemente i "Criteri di giudizio" e lo "Standard italiano" sono stati ratificati dalla FOI nel 1993 e sono ancora valido; solo nel 2008 la CTN-IEI ne ha ritenuto opportuno condensare il contenuto in una scheda tecnica a vantaggio degli allevatori.

   La formulazione del testo è rimasta sostanzialmente invariata, comunque nella stesura su questo sito ho ritenuto utilizzare quello dei Criteri del 1993, in quanto più completo; per completezza pubblico il download della Scheda tecnica 2008, da potere scaricare; inoltre ho aggiunto in nero alcune annotazioni mie personali, frutto della mia esperienza di tanti anni di allevamento e di frequentazione delle mostre. Fra l'altro nel periodo che ho ricoperto la carica di Presidente del Club del Diamante di Gould, ho avuto la grande opportunità di frequentare un corso per allievi giudici, sul nostro estrildide, tenuto da Emilio De Flaviis, che ha arricchito le mie conoscenze sulle modalità di giudizio che non sempre è reperibile sui testi ufficiali.




NOMENCLATURE UFFICIALI

 

ANCESTRALE                                                                  -           Definisce i soggetti, maschi e femmine, ancestrali, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

PETTO BIANCO                                                               -           Definisce i soggetti, maschi e femmine, petto bianco, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

PASTELLO SINGOLO FATTORE                                        -           Definisce i soggetti, maschi, eterozigoti per il fattore pastello, testa nera, testa rossa e testa gialla

 

PASTELLO                                                                       -           Definisce i soggetti, maschi e femmine, omozigoti per il fattore pastello, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

PETTO BIANCO PASTELLO SINGOLO FATTORE               -           Definisce i soggetti, maschi, petto bianco, eterozigoti per il fattore pastello, testa nera, testa rossa e testa gialla

 

PETTO BIANCO PASTELLO                                              -           Definisce i soggetti, maschi e femmine, petto bianco, omozigoti per il fattore pastello, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

BLU                                                                                 -           Definisce i soggetti, maschi e femmine, blu, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

BLU PETTO BIANCO                                                        -           Definisce i soggetti, maschi e femmine, blu petto bianco, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

BLU PASTELLO SINGOLO FATTORE                                 -           Definisce i soggetti, maschi, blu, eterozigoti per il fattore pastello, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

BLU PASTELLO                                                                -           Definisce i soggetti, maschi  e femmine, blu, omozigoti per il fattore pastello, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

BLU PETTO BIANCO PASTELLO SINGOLO FATTORE        -           Definisce i soggetti, maschi, blu petto bianco , eterozigoti per il fattore pastello, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

BLU PETTO BIANCO PASTELLO                                       -           Definisce i soggetti, maschi, blu petto bianco, omozigoti per il fattore pastello, testa nera, testa rossa e testa gialla.

 

ALTRE MUTAZIONI                                                          -           Definisce tutte le altre mutazioni non standardizzate.

 

--------------------------

 

Tutte le denominazioni dovranno essere preceduta dalla dicitura “Diamante di Gould”.

Tutte le nomenclature vanno indicate per esteso ad eccezione dei termini:

Singolo fattore, che può essere indicato con la sigla S.F.

Petto bianco, che può essere indicato con la sigla P.B.



Sulle schede di iscrizione alle mostre FOI devono essere obbligatoriamente utilizzate solo le suddette denominazioni ufficiali.


Consiglio di integrare la lettura degli standard dell'Ancestrale e delle varie mutazioni con quella delle precedenti pagine di questo "Manuale" Parte III^ che riguarda "Il fenotipo dall'Ancestrale alle forme mutate"



Pag.1


  Eduardo Corsini                                                                                                                                                                                                                                               (pubblicato 26/06/2014)

                                                                                                                                                                                                                                                                                      Segue pagina successiva

Copyright (c) 2000-2006 Terms Of Use Privacy Statement