Thursday, April 09, 2020
Login      Register
 





3_PB_tr_M_Frascerra.jpg
Foto 1 - Maschio Petto bianco testa rossa

Web_Anc_tr_M_ID562 - Copia.jpg
3_PB_tr_M_Frascerra - Copia.jpg
Foto 3 - Raffronto ventre Ancestrale petto viola e Petto bianco
 


IL DIAMANTE DI GOULD PETTO BIANCO


 

   La mutazione Petto Bianco fu la prima a manifestarsi in cattività; apparve nell’allevamento del Sig.Bernicoat in Sud Africa nel 1965 per diffondersi rapidamente in tutto il mondo. La limitata consanguineità iniziale che ne derivò, permise di ottenere soggetti resistenti e di buona taglia quanto gli Ancestrali.


   Ricordiamo che, nella forma Ancestrale, il colore viola del petto è determinato dalla presenza di feomelanina e dalla struttura particolare delle piume (effetto diffrattivo), di conseguenza il gene mutante “Petto Bianco” ha la funzione di inibire la totale sintesi della feomelanina. Il risultato è quello di un soggetto dal petto bianco candido, che contrasta piacevolmente con i colori delle altre parti del corpo (foto n.1).


    Alcuni allevatori sostengono che la bellezza dell’Ancestrale non trova rivali nelle mutazioni; non si può dare loro torto, ma ritengo che, se l’effetto mutante mantiene la particolarità di continuare ad esaltare il contrastante cromatismo del nostro esotico australiano, il risultato visivo è altrettanto eclatante: in questo caso il bianco candido, il giallo, il rosso, il celeste ed il verde.


   Un soggetto Petto bianco non presenta, oltre alla mancanza del viola, diversità sostanziali dagli altri colori descritti  per l’Ancestrale. Solo la maschera dei testa rossa e gialla, si presenta più luminosa (foto 2), il colore del ventre vira in una tonalità giallo chiaro, per l’eliminazione di tracce di feomelanina, che le attribuivano una gradazione leggermente ocre; la regione anale, priva delle sfumature feo, è decisamente bianca (foto 3).

   A volte il fattore mutante “Petto Bianco” agisce in maniera incompleta; di conseguenza il petto non si presenterà bianco candido, un difetto che snatura di molto la caratteristica dei  questo fenotipo.


   L’eredità genetica della mutazione Petto Bianco è del tipo recessivo autosomica (o libera).


 

Criteri selettivi


   Nella scelta dei soggetti, destinati a formare le coppie, attenersi agli stessi criteri enunciati per l’Ancestrale, tranne ovviamente nella valutazione del “petto” per il quale si dovranno privilegiare quelli con il bianco assolutamente “pulito” (senza alcun residuo feomelanico). Allo scopo è preferibile l’accoppiamento fra omozigoti della stessa mutazione, che presentano la massima tipicità di questa zona del piumaggio.


   La mutazione in questione è una di quelle dove l’accoppiamento prolungato in omozigosi, generalmente non pregiudica le qualità della discendenza. Comunque nel caso che si noti lo scadimento nella brillantezza dei colori o di altri elementi, si possono introdurre, a scopo compensativo, nel ceppo ottimi soggetti Ancestrali  omozigoti oppure portatori della mutazione, utilizzando indifferentemente i due sessi; se qualche soggetto ottenuto si presenta con il petto “inquinato” procedere alla “pulizia” accoppiandolo in omozigosi.



 

Previsioni di nascita


   1) PB  x  PB  = 100% PB maschi & femmine
   2) PB  x  A o viceversa = 100% A/PB maschi & femmine
   3) A  x  A/PB o viceversa = 50% A maschi & femmine +
        50% A/PB maschi & femmine

   4)
A/PB x A/PB   =  25% PB maschi & femmine + 50% A/PB maschi & femmine + 25% A maschi & femmine

 

   Nell'accoppiamento sub 2) si otterranno tutti Ancestrali portatori, quindi non occorre testarli; mentre in quelli sub 3) e 4) è necessario testarli per individuare i portatori.


  Le percentuali indicate sono teoriche, frutto di rilevazioni statistiche su grandi numeri. Si evincere che utilizzando portatori di entrambi i sessi, si ottiene  uno numero scarso di soggetti mutati e quelli della forma nominale nella maggior parte non sono di buona qualità.


Simbologia:


A = Ancestrale;   PB = Petto bianco;   segno / = portatore.

 

  

        

 











1_DG_Anc_tr_DalConzo - Maschera.jpg
1_PB_tr_M_Frascerra - Copia.JPG
Foto 2 - Raffronto fra la maschera testa rossa di un Petto viola e di un Petto bianco
 

Denominazione ufficiale F.O.I.           Diamante di Gould petto bianco, testa rossa,  testa gialla, testa nera


Denominazione ufficiale C.O.M.          Diamante de gould poitrine blanche,  tete rouge,  tete orange, tete noire


Denominazioni comunemente usate


Italiano                                             Verde petto bianco, testa rossa, testa gialla (o arancio), testa nera


Francese                                           Vert poitrine blanche, tete rouge, tete jaune, tete noire


Inglese                                             Whitebreasted, red-headed, yellow-headed, black-headed


Tedesco                                            Grun weifbrust, rotkopf, gelbkopf, schwarzkopf

                                                                               

Olandese                                          Groen witborst, roodkop, geelkop, zwarkop


Spagnolo                                          Verde pecho blanco, cabeza roja, cabeza amarilla, cabeza negra



                                                                                                     

      Eduardo Corsini                                                                                                                                                                                     (pubblicato 15/09/2013 - aggiornato 15/04/2015))            

 

Copyright (c) 2000-2006 Terms Of Use    Privacy Statement DotNetNuke